Mix Messenger

Quest’uomo è davvero avanti. David Guetta è un Disk Jockey francese di origine marocchina che nella ricerca di nuove e più globali forme di espressione musicale (o semplicemente pagato dalla Microsoft;) si è rivolto alla Rete trovando la sua ispirazione in Messenger ovvero una delle forme di comunicazione più diffuse tra gli Internauti.

Mix messenger David Guetta

La nuova frontiera esplorata dal DJ non suona più i toni della natura, degli strumenti musicali o delle voci umane, ma i bit dei software e nella fattispecie di Messenger.

Guetta ha preso il famoso programma della Microsoft e l’ha trasformato in un brano musicale dando probabilmente vita ad un nuovo filone musicale.

D’altronde l’artista non è una matricola del vinile e già nel 2005 compariva nella classifica dei migliori dj internazionali.

Via | Trackback.it

Annunci

Nero 8: adesso ci siamo

 6597-firems-nerostartsmart.png

Il prossimo 1 Ottobre verrà distribuita nei mercati di tutto il mondo la versione 8 di Nero, la più conosciuta suite di software dedicati alla masterizzazione ed all’editing multimediale. Leggendo il comunicato stampa è possibile capire quali saranno le novità più interessanti.

E’ stata ridisegnata l’interfaccia di Nero StartSmart che permette di completare il proprio progetto in maniera molto semplice e veloce, sia che si tratti di masterizzare CD/DVD che di rippare file audio o di montare un filmato.Non poteva chiaramente mancare la possibilità di masterizzare video ad alta definizione con i nuovi supporti Blu-ray BD-AV e HD DVD.

Con Nero è anche possibile pubblicare in modo molto amichevole e velocei propri file multimediali su alcuni tra i più utilizzati social network come YouTube e MySpace.

                                                                        Fonte DownloadBlog

Linea Adsl : ATTENZIONE pericolo 899

Dal prossimo 1 ottobre le linee telefoniche virtuali aggiuntive di Alice Voce, cioè le linee telefoniche che Telecom Italia mette a dispozione degli utenti Adsl per effettuare telefonate illimitate locali e nazionali in modalità Voip, saranno abilitate a chiamare le numerazioni speciali.

Si tratta in pratica degli 899 e simili.

Chi vorrà chiederne la disabilitazione a titolo gratuito dovrà chiamare il numero 187, con le stesse modalità previste per le linee telefoniche tradizionali.

Telecom Italia sceglie la strada della disabilitazione su richiesta e non il contrario: cioè rendere le linee tutte disabilitate a queste pericolose numerazioni, e abilitarle solo su esplicita e diretta richiesta dell’abbonato.

Falla di sicurezza in Monster.com

 article_img.jpg

Un po’ di tempo fa abbiamo parlato dell’attacco, da parte di un gruppo di cybercriminali, al sito di lavoro Monster.com. Ebbene, è di oggi la notizia che l’attacco sarebbe più grave del previsto.

Secondo le indagini, che hanno accertato che sarebbero stati rubati i dati personali di oltre 1,3 milioni di iscritti, il sito era stato già precedentemente hackerato. Non si sa ancora con certezza, ma sarebbero milioni i dati personali rubati anche nei mesi passati.

In risposta a questi attacchi, Monster.com ha annunciato di aver alzato i livelli di sicurezza sui propri server. Gli investimenti per la sicurezza si aggirerebbero tra gli 80 e i 100 milioni di dollari.

Non ci sono notizie, invece, su eventuali falle di sicurezza nelle versioni localizzate del sito, come Monster.it.

Via DownloadBlog.it

Plugin Firefox per designer e sviluppatori

mashabletechnorati.png

Mashable ha pubblicato un’altra utile lista di plugin per Firefox. Questa volta è dedicata agli sviluppatori e ai web-designer.

La lista, che contiene oltre trenta plugin, si divide nei capitoletti “Css”, “debugging e analisi” e “altri”. Dategli un’occhiata se siete interessati al web design, ci sono alcuni tool che vale la pena di provare.

                         Thanks to DownloadBlog

Altri modi di usare Firefox

 5960_12264.jpg

Che Firefox stia prendendo piede sempre di più tra i browser ormai è cosa risaputa. Ma non mi dite che lo utilizzate esclusivamente per la navigazione! Mashable ha messo in piedi una lista con diciannove utilizzi “non convenzionali” del navigatore di casa Mozilla, dai giochi di carte solitari al popolare Snake, dal generatore della lista della spesa a un sistema di allerta per terremoti.

Ormai Firefox sta acquisendo sempre più controllo e non sarebbe da stupirsi se nelle versioni a venire sarà in grado di prepararci la colazione con un buon caffè! 😀

Via DownloadBlog

Un hacker dimostra quanto le centrali nucleari americane siano vulnerabili !

 

 Centrale Nucleare

Leggete questo articolo tratto dal sito www.trackback.it .. DA BRIVIDI:

Gli avevano detto che sarebbe stato impossibile. A quanto pare la definizione di “impossibile” dei proprietari della centrale nucleare è decisamente diversa da quella di Scott Lunsford, ricercatore di sistemi di sicurezza per la IBM. Magari sarà al soldo delle corporation, ma sempre di un hacker si parla, cioè una persona dotata delle conoscenze giuste e del software corretto per tentare di penetrare delle difese informatiche. E fortuna che si trattava di uno di quelli buoni: “E’ stato uno dei test di penetrazione più facili della mia vita” ha fatto sapere.

Scott rincara la dose:

 “Il primo giorno, eravamo già all’interno del network. In una settimana, avevamo la centrale sotto al nostro controllo. Ricordo di aver pensato: ‘Acciderbolina, questo è un grosso problema’”.

Per fortuna il governo ha piazzato delle difese diverse sul reattore vero e proprio, e Scott non sarebbe riuscito a causare uno “stupendo” meltdown nucleare. Niente Chernobyl II, la Vendetta, insomma… Ma non bisogna stare troppo allegri, perchè l’hacker avrebbe tranquillamente potuto staccare la corrente a metà dello stato servito da quella particolare centrale nucleare. E per quanto si tratti di un episodio tremendo, è solo la punta dell’iceberg. Infatti la centrale utilizza un sistema di gestione e acquisizione dati conosciuto come SCADA, creato da un consorzio di compagnie tra cui la Siemens e la Rockwell, utilizzato da ferrovie, acquedotti, industrie, oleodotti… Un tipo di sistema diffuso in tutto il mondo, anche nel nostro paese. Si tratta di una tecnologia vecchia di vent’anni, i cui problemi stanno rapidamente venendo alla superficie, che ha il difetto di rendere vulnerabili vaste porzioni del proprio sistema a chiunque abbia il know-how e un semplice portatile. Certo, conoscere come entrare in un sistema di gestione informatica non è la stessa cosa di sapere come si fa a far saltare un oleodotto, però il pericolo è che qualche criminale, magari a scopo di estorsione, faccia dei danni senza neppure rendersene conto.