!!! TRASFERITI !!!

trasloco.gif

www.tech-zoom.com

Sì, avete capito bene…ci trasferiamo al sito sopra indicato.

Il design sarà sicuramente modificato e rinnovato in meglio, continueremo come sempre ad aggiornarvi su qualsiasi argomento interessante di cui verremo a conoscenza, lavoreremo sodo e speriamo vivamente che continuerete a seguirci come avete fatto fino ad ora…vi aspettiamo!!!! Grazie a tutti i nostri lettori!

www.tech-zoom.com

 

Annunci

Soluzione per : Eliminare-Disattivare il WGA 1.7.59.1

 WGA Logo

Davide Calabrò segnala suo suo blog il rilascio di una nuova versione del Windows Genuine Advantage (WGA), giunto alla versione 1.7.59.1.

Questo è quel software nascosto in Windows che impedisce all’ utente avente una copia di Windows non originale (scaricata o duplicata da un CD originale), di installare i prodotti MS ed effettuare gli aggiornamenti del sistema.

E’ sempre Davide a rilasciare una nuova patch in grado di debellarlo dal sistema, in modo da liberarlo da ogni restrinzione. Per info vi timando al suo articolo su come rimuovere WGA 1.7.59.1.

 Fonte DelfinsBlog

Altri link:

Notificazione del WGA in Windows Xp

Notificazione del WGA in Windows Vista 

Rubati e resi pubblici circa 1200 account eBay

90279-ebay-logo.jpg

eBay muove da sempre un giro di affari davvero impressionante e fin dagli inizi del suo ormai noto successo è stato bersaglio di attacchi criminali di vario tipo ,cavandosela devo dire abbastanza bene.

Nell’ultimo caso però  che risale a due giorni fa, sono state rubate e rese pubbliche le informazioni personali di circa 1.200 utenti. Queste informazioni, che comprendono numeri di telefono e dettagli della carta di credito, sono state pubblicate dagli autori del fatto sul Trust & Safety forum di eBay; chiaramente in segno di sfida.

eBay ha rilasciato sul suo blog diverse dichiarazioni sull’accaduto; l’ultima rilasciata rassicura tutti gli utenti precisando che, sebbene le informazioni personali pubblicate fossero effettivamente vere, i dati relativi alle carte di credito non hanno trovato riscontro nel database eBay e PayPal.

Un fatto sicuramente non positivo,ma meno grave di quello che si era creduto all’inizio, in quanto i dati pubblicati dai malfattori relativi alle carte di credito erano fasulli.Consigliamo però ad eBay di tenere gli occhi ben aperti perchè ci saranno sicuramente altri attacchi in futuro.

Falla di sicurezza in Monster.com

 article_img.jpg

Un po’ di tempo fa abbiamo parlato dell’attacco, da parte di un gruppo di cybercriminali, al sito di lavoro Monster.com. Ebbene, è di oggi la notizia che l’attacco sarebbe più grave del previsto.

Secondo le indagini, che hanno accertato che sarebbero stati rubati i dati personali di oltre 1,3 milioni di iscritti, il sito era stato già precedentemente hackerato. Non si sa ancora con certezza, ma sarebbero milioni i dati personali rubati anche nei mesi passati.

In risposta a questi attacchi, Monster.com ha annunciato di aver alzato i livelli di sicurezza sui propri server. Gli investimenti per la sicurezza si aggirerebbero tra gli 80 e i 100 milioni di dollari.

Non ci sono notizie, invece, su eventuali falle di sicurezza nelle versioni localizzate del sito, come Monster.it.

Via DownloadBlog.it

Monster.com,il sito di ricerca lavoro,subisce un attacco hacker

monster1.jpg 

Stando a quanto riporta un articolo della Bbc, sembra che vi sia stato un attacco hacker, con conseguente intrusione nei dati personali, al sito web di ricerca lavoro Monster.com, tra l’altro da qualche tempo approdato anche in Italia.

Un programma informatico sarebbe stato utilizzato per entrare nei server dei datori di lavoro, dove sono presenti dati personali di 1,6 milioni di utenti. I dati sono stati rubati e uploadati su un server remoto.

Al momento non è dato sapere se il furto ha riguardato anche i dati delle migliaia di utenti italiani iscritti al sito.

Via DownloadBlog.it

Crackato il sito dell’Ordine professionale dei giornalisti (ODG)

                                                                  hacked2hi.gif

Proprio ora che eravamo vicini al momento in cui stavano per uscire i risultati dell’ultima sessione di esami scritti, il sito dell’ Ordine dei Giornalisti  (http://www.odg.it) è stato abilmente crackato. Infatti inserendo la URL normale si ottiene l’errore “Impossibile elencare il contenuto della directory”.

Inoltre se però si visita una pagina interna,ad esempio http://www.odg.it/esami/main.asp , appare una foto inequivocabile di un guerrigliero turco col simbolo della Mezzaluna unita alla stella e, sullo sfondo, lo scoppio di una bomba con su scritto “Hacked by Askeriharekat Timi”.

Si tratta sicuramente di un attacco grave, considerato che il sito è fuori uso da sabato; è anche vero però che se si visualizza il sito disattivando i css si vede la pagina normale.

E’ possibile disattivarli con la developer toolbar di firefox anche se però nella pagina visualizzata mancano gran parte delle notizie. 

 Grazie per le informazioni a DownloadBlog

Cracker all’opera: La PS3 è in pericolo

Come ogni console affascinante e che si rispetti, anche la Playstation 3 ha attirato su di sè l’attenzione dei cracker intenti nello scoprire qualche punto debole nel sistema e di sfruttarlo per permettere l’esecuzione di software pirata.

ps3_hack.jpg

Alcuni di questi cracker sono così riusciti a violare il firmware della console sfruttando una falla presente nelle versioni 1.10 e 1.11 di quest’ultima; operazione che renderebbe possibile avviare anche sulla PS3 copie piratate dei giochi originali.

Fattostà però che si tratterebbe di un crack alla fase embrionale, ancora non completo e privo di effettivo valore, in quanto l’exploit del firmware permetterebbe sì ai giochi di avviarsi ma questi non risulterebbero per il momento giocabili.

Non risulterebbe possibile neppure l’esecuzione di software non ufficiale, il cosiddetto ‘Homebrew‘, attorno al quale la PSP è riuscita a creare una vera e propria community di appassionati.

Per far fronte a questi cracker, Sony sembra perseguire una politica decisamente aggressiva nei confronti di chiunque decida di utilizzare tali exploit illegalmente; per questo sembra si sia deciso di impedire l’accesso a PlayStation Network a coloro i quali posseggono una versione alterata del firmware, operazione tra l’altro già effettuata da Microsoft, la quale ha bandito da XBox Live coloro i quali avevano effettuato delle modifiche al lettore di XBox 360.

Eseguire qualunque modifica non autorizzata ad una console, comporta inoltre l’immediato decadimento della garanzia di quest’ultima.

Quindi in conclusione, per chi sperava di ottenere dei cd-rom copiati per la Ps3 dovrà aspettare ancora un pò, almeno fino a quando non verrà trovato un punto debole nel sistema;ma Sony farà naturalmente di tutto perchè questo non accada….sarà una bella lotta. 😐

Un Grazie gigantesco per le notizie a WebNews.